Ambulanze malate

Nel 2012, i conducenti delle ambulanze della regione dell’Attica hanno effettuato 436 chiamate a compagnie di soccorso stradale. Molte di queste chiamate sono state effettuate durante il trasporto dei pazienti in ospedale.
Avete chiamato l’ambulanza del pronto soccorso?  Per stare sicuri chiamate parallelamente anche… il soccorso stradale. Perché, come risulta dai dati di un’indagine condotta dalla magistratura, solo nel 2012, per le 166 ambulanze dell’EKAV (pronto soccorso, n.d.t.) della regione dell’Attica sono state effettuate… 436 chiamate a compagnie di soccorso stradale, molte delle quali realizzate durante il trasporto dei pazienti in ospedale! In molti casi è stato necessario chiamare prima un’altra ambulanza per poter portare via il paziente, visto che la prima era andata fuori uso per un guasto molto serio, come la rottura dei freni o dello sterzo.
Intervento della magistratura
L’indagine, i cui risultati mostrano l’enorme pericolosità delle ambulanze dell’EKAV (che adesso vengono riparate prima che arrivino i controlli), è stata effettuata dalla Direzione Tecnica della Polizia Stradale, in seguito ad un ordine del Magistrato del Tribunale di Atene, Charalambos Lakafosis. A causare l’intervento giudiziario e l’avvio di un’indagine preliminare urgente sono stati alcuni articoli sui giornali, secondo i quali le condizioni delle ambulanze dell’EKAV nella regione dell’Attica sono tali da poter mettere a rischio la salute e l’integrità fisica del personale e dei pazienti. 
In base alle denunce, un’ambulanza su quattro, tra quelle della regione, è rimasta fuori uso dopo un guasto e quelle ancora attive non bastano a coprire i bisogni della popolazione, vista anche la mancanza di personale. Ovviamente, le cattive condizioni delle ambulanza dell’EKAV risultano anche dai dati dell’inchiesta, in base alla quale: “ogni ambulanza ha coperto almeno 6/700.000 chilometri. Sono state acquisite nel 2004 e lavorano 24 ore su 24. E questo quando la prassi comune è la sostituzione dei veicoli professionali ogni 5 anni”. C’è stato, tra l’altro, un periodo in cui delle 140 ambulanze di cui l’EKAV della regione Attica dispone, ben 37 non erano in circolazione per un guasto. 
Carenza di mezzi

Parallelamente, le denunce parlavano di mancanza di soccorritori. Da quel che viene stimato, risulta un’ambulanza dell’EKAV ogni 75.000 cittadini, mentre in Europa la media è un’ambulanza ogni 25.000 cittadini. Nella regione dell’Attica, i turni della mattina e della sera impiegano 65-70 ambulanze e quello notturno 25-30. Indicativo della pericolosità della situazione è il fatto che secondo gli esperti che hanno indagato sulle cause del recente incidente di un’ambulanza a Creta in cui due impiegati dell’EKAV hanno perso la vita, i passeggeri si sarebbero salvati se il veicolo si fosse trovato in condizioni migliori e se fossero stati riparati i gravi guasti che presentava.
di Katerina Katì

Originale in greco: 

efsyn 

Tradotto da atenecalling

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette − 5 =