Aprile, organizzare l’insolvenza: i movimenti "Non Pago" all’attacco


 
Venticinque collettivi di diversi quartieri di Atene si alleano tra loro e dichiarano il prossimo Aprile come “mese di insolvenza popolare dei pagamenti” dei debiti agli uffici fiscali, alle banche e alle imprese statali con l’obiettivo di produrre un’insolvenza generalizzata dei pagamenti delle tasse e delle imposte ingiuste. “Non lasceremo nessuno da solo di fronte alle banche, all’ufficio fiscale o alle imprese statali. Non permetteremo nessuna confisca di case da parte dello stato o delle banche. Non lasceremo nessuna casa senza luce” ha sottolineato Nikos Pirounakis del Comitato dei Cittadini di Glyfada, durante una recente conferenza stampa.
Nel momento in cui il popolo economicamente inattivo è più consistente di quello economicamente attivo, i rappresentanti dei collettivi invitano i nostri concittadini a trasformare l’incapacità passiva di pagamento in un’insolvenza organizzata, formando un’onda politica di disobbedienza. Alla luce delle furiose lotte popolari contemporanee, giovani e locali, e dell’esempio positivo della lotta del popolo bulgaro contro l’aumento del costo dell’elettricità, la lotta contro le misure di raccolta di soldi, conto le confische e l’aumento del costo dei beni sociali, può avere dei risultati concreti.
Secondo i rappresentanti dei collettivi, si registra già una grande risposta dai residenti dei quartieri popolari e operai dell’Attica, che mette in evidenza il desiderio di reagire e di capovolgere le politiche antipopolari. “Nessuno subirà conseguenze se ritarderà di pagare un mese. Il cittadino non ha niente da temere, se non i furti che avvengono nella sua vita. Deve dire: ora basta”, sottolinea il signore Pirounakis. “Il fatto che sia un’azione di massa, ne annulla l’illegalità” ha aggiunto riferendosi ai cittadini che, magari, hanno paura di partecipare.
Mentre Aprile è stato indicato come il “mese dell’insolvenza dei pagamenti”, Marzo è il mese di mobilitazione per il sostegno dell’iniziativa. Inizialmente, durante la parata del 25 Marzo, i collettivi distribuiranno materiale informativo ai cittadini. Il 28/3 farà un appello simile anche la GENOP-DEI (Federazione Generale dei Lavoratori nel Settore dell’Energia Elettrica di DEI), mentre il 31/3, nell’anfiteatro della federazione, sarà annunciata ufficialmente l’iniziativa di aprile.
Parallelamente, si cerca di coordinare l’azione con i collettivi della periferia di città come Salonicco, Patrasso e Trikala. L’iniziativa è sostenuta anche dall’OLME (Federazione dei Servitori di Educazione Media) e dalle ELME (Unione dei Servitori di Educazione Media) locali.
di Stergios Zampakas
21/03/2013
Fonte: efsyn
Tradotto da Atene Calling
 

1 comment for “Aprile, organizzare l’insolvenza: i movimenti "Non Pago" all’attacco

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × = 18