11/02, Atene chiama, l’Europa risponde: mobilitiamoci a Roma!

10967814_854392491266698_722998507_n (1)

Pochi giorni fa la Banca Centrale Europea ha messo in gioco l’ennesimo ricatto contro il popolo greco e contro tutti coloro che si oppongono all’austerity, negando alla Grecia la possibilità di avere accesso alla liquidità necessaria ad evitare il collasso.

Questa mossa è funzionale a pregiudicare qualsiasi possibilità di riforma economica e di trasformazione sociale e a puntare una pistola alla testa al nuovo governo, che aveva annunciato nei giorni scorsi l’intenzione di non rispettare le imposizioni della Troika. Quelle stesse imposizioni che hanno trasformato la crisi economica in una crisi umanitaria, producendo povertà e disoccupazione per centinaia di migliaia di persone.

Questa mossa è un passo in avanti verso la cancellazione di qualsiasi residua prerogativa democratica in ogni parte dello spazio europeo: il messaggio è che decidono i mercati finanziari e non le persone, che nessuno può opporsi alla Troika, che non c’è alternativa possibile alla distruzione delle nostre società.

L’11 febbraio, nel giorno in cui si riunisce l’Eurogruppo, in Grecia ci saranno manifestazioni nelle principali città. Le piazze greche hanno lanciato una chiamata alla mobilitazione europea: in tanti, in Italia e in altri Paesi, stanno rispondendo.

Anche a Roma vogliamo manifestare la nostra solidarietà al popolo greco, a chi a causa dell’austerity non ha più accesso all’assistenza sanitaria, a chi ha dovuto abbandonare la scuola, a chi ha fame, a chi non ha più la corrente elettrica, l’acqua e il riscaldamento, a chi ha accumulato debiti, a chi è costretto a lavorare per uno stipendio da fame. Le loro battaglie sono le nostre battaglie.

Contro il ricatto del debito! Contro la dittatura della Troika!
Per un’Europa unita dalle lotte e dalla solidarietà!

Mercoledì 11 febbraio, h 18, piazza Indipendenza:
presidio sotto l’Ambasciata Tedesca

QUI l’evento fb

11/02: anche a Napoli una piazza solidale e anti-austerity

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


6 × tre =