Con l’oscurità nera passano le misure

images

Il regime politico della “libertà”, della “democrazia”, della “libera economia”, della “libera comunicazione” e della sregolata mancanza di legge, ha mandato 8 squadre di MAT, all’alba, con armi alla mano, per arrestare… l’edificio della ERT e per ammanettare il cancello di Radiomegaro.

L’ultima volta che, rispetto alle analogie storiche, è successo qualcosa di simile era il 27 aprile del 1941. Quando i tedeschi sono entrati ad Atene. Il doppio partitino di Samaras e Venizelos ha mandato i MAT ad evacuare la ERT un giorno dopo la discussione parlamentare sui proprietari di tv private. Sono entrati alla ERT nel momento in cui si preparano nuove Azioni di Interesse Legislativo – come quella con la quale hanno oscurato la ERT – per oscurare anche l’Industria della Difesa! Sono entrati alla ERT nel momento in cui il loro sistema politico splende per pulizia, questa volta con la questione delle tasse dell’ex ministro Papantoniou! Sono entrati alla ERT nel momento in cui “negoziano duramente” con la Troika, nel momento in cui preparano aste per le case dei salassati dalle banche, nel momento in cui mettono… restrizioni (!) anche sui caminetti di chi ha freddo!

La loro “oscurità” si è completata nel modo più scuro! Il primo ministro Antonis Samaras e il suo governo con lo sgombero con i MAT della ERT hanno commesso un atto contro loro stessi, contro la loro stessa legittimità.

Ma hanno azzeccato il giorno: 7 novembre 2013, sarebbe a dire, con il vecchio calendario, il 25 ottobre! Ricorrenza dell’anniversario della Rivoluzione di Ottobre del 1917! E, quindi, ce l’hanno fatta: il simbolismo che si produce su dove ci troviamo e su dove dobbiamo andare, è perfetto.

Come oggi, il 25 ottobre (7 novembre) del 1917 l’umanità ha fatto un passo in avanti. “L’ha fatto?”. Sì, noi diciamo che l’ha fatto.

di Nikos Bogiopoulos

Fonte: unfollow

Traduzione di Atene Calling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 6 = due