Condannato a 10 anni albadorato che accoltellò studente

Bloody_knife_by_Antotoooo

Il tribunale di primo grado ha dichiarato colpevole l’alabadorato 23enne per l’aggressione contro uno studente avvenuta nel gennaio 2013davanti alla sua scuola a Paleo Faliro. Il tribunale ha applicato la minima pena possibile di reclusione a 10 anni, più altri sei mesi per possesso e uso d’armi. L’autore dell’aggressione sarà portato in carcere per scontare la pena senza effetto sospensivo della sentenza.

Ascoltando la sentenza la madre dell’imputato e la sua compagna sono scoppiate in lacrime.

Il PM aveva chiesto ai giudici della Corte d’Assise di riconoscere l’imputato colpevole per lesioni personali premeditate e non per tentato omicidio, come era stato inizialmente ipotizzato.

Il fascicolo è incluso in quello delle indagini svolte dai GIP I.Klapa e M. Dimitropoulou [della Corte Suprema, n.d.t.] sull’attività criminale di Alba Dorata, anche se l’imputato nega qualsiasi relazione con questa organizzazione.

Secondo il PM «se l’imputato avesse voluto uccidere lo studente minorenne lo avrebbe colpito alla schiena, al cuore o all’addome. Avrebbe pianificato in modo diverso la sua aggressione per portare a termine il suo obiettivo».

Tra l’altro ha sottolineato che il profondo taglio alla gola riportato dallo studente «era pericoloso ma lontano dalla carotide, che non è stata recisa, e non avrebbe potuto causarne la morte».
Secondo il PM, nell’atto compiuto dall’imputato «non c’era possibile dolo, in quanto l’obiettivo era il volto della vittima».
Il PM ha definito «chiaramente fasulla»  la linea difensiva dell’imputato che dichiarava di aver agito per legittima difesa, visto che la vittima aveva preso una pietra per aggredirlo. «E’ strano, perché lo studente non si è difeso con la pietra che presumibilmente aveva in mano mentre l’imputato lo stava macellando. Probabilmente era stato immobilizzato  ed era completamente in balìa del suo aggressore».
Il secondo imputato, complice nel tentato omicidio dello studente, al momento del compimento del reato – nel gennaio 2013  – era minorenne. Il fascicolo che lo riguarda è stato quindi passato al tribunale per i minori.

Fonte: politisnews

Traduzione di AteneCalling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


due × = 4