Giù le mani da Indymedia

 

download

Venerdì 12.9.14 il collettivo Mayfirst, che ospita parte della struttura di Athens Indymedia, ci ha informato di aver ricevuto una convocazione dal Ministero della Giustizia degli USA per un’indagine che sta svolgendo l’FBI. In particolare l’FBI pretendeva la consegna dei dati personali dei gestori di Athens Indymedia, senza fornire alcuna spiegazione sui motivi di questa pretesa o sulle indagini. La pretesa ovviamente non è stata accolta dal collettivo Mayfirst, a conoscenza dei pericoli che questo comporterebbe per i suoi membri e le sue strutture.

Per noi questi sviluppi rivelano il coinvolgimento delle autorità greche in questo caso. I meccanismi di repressione sanno molto bene che qualsiasi indagine o sequestro non metterebbe in pericolo i nostri utenti ne fermerebbero il funzionamento del sito. Non ci sono mai riusciti in questi 14 anni di funzionamento di Athens Indymedia. Crediamo che questo nuovo attacco nei confronti del movimento e della controinformazione faccia parte di una strategia che sceglie di colpire specifiche persone che gestiscono il sito, per rendere più chiare d’ora in poi le scelte del meccanismo governativo sul controllo e la repressione dell’informazione, della liberta’ di parola e delle pratiche di resistenza sociale.

Il gruppo che gestisce Athens Indymedia sta mettendo in atto tutti gli sforzi necessari per garantirne il libero funzionamento, la sicurezza degli utenti e la realizzazione delle scelte strategiche, rifiutando di sottomettersi alla paura e al bavaglio che lo stato cerca di imporgli.

Chiamiamo tutti coloro che lottano per un mondo di libertà, uguaglianza, solidarietà e prosperità per tutti a sostenere con ogni mezzo possibile i mezzi di controinformazione e Athens Indymedia.

Fonte: athens.indymedia

Traduzione di AteneCalling.org

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


sette − 1 =