I MAT sgomberano ERT, la tv pubblica occupata

1441482_433739400081886_955153665_n

Questa mattina all’alba, i MAT sono entrati nell’edificio della tv pubblica ERT, sgomberando l’occupazione che durava ormai da diversi mesi. L’11 giugno, il primo ministro Samaràs aveva annunciato che allo scoccare della mezzanotte dello stesso giorno la tv di Stato avrebbe smesso di trasmettere. L’improvviso oscuramento di tutti i canali pubblici aveva provocato un forte shock in tutta la società. Le immagini dei MAT che entravano nelle sedi distaccate, forzando gli ingressi e presidiando le antenne, avevano fatto venire alla mente scene da golpe sudamericano.

Nell’edificio centrale, però, si erano immediatamente radunati i lavoratori e migliaia di cittadini: una nuova ondata di opposizione sociale capace di impedire la chiusura della televisione, che aveva continuato a trasmettere su canali alternativi e piattaforme web grazie al sostegno e alla solidarietà di siti e testate giornalistiche europee.

Saltato il tappo del controllo delle istituzioni e dei partiti sul lavoro dei giornalisti, ERT occupata ha potuto trasmettere un’informazione di altissima qualità, rompendo su numerosi temi il silenzio e la censura prodotti dalla connivenza tra i principali mezzi di informazione e i governi dei memoranda.

Oggi lo Stato cerca di mettere a tacere la maggiore voce fuori dal coro dei “pappagalli” [come vengono chiamati in Grecia i giornalisti conniventi]. Anche in vista delle nuove misure di austerità che Samaràs si è impegnato a imporre, è forte il timore che nuove proteste possano indebolire ulteriormente il governo di Nea Demokratìa. Dopo il vile assassinio del rapper Pavlos Fyssas e l’esecuzione di due nazisti (che ancora non è stata rivendicata da nessun gruppo armato e su cui rimangono aperte anche la pista parastatale e quella mafiosa), il governo della Troika cerca di legittimarsi come tutore di un ordine minacciato dagli “opposti estremismi”.

Vedremo se questo gioco gli riuscirà.

 

Ascolta le interviste di Radio Onda D’Urto:

Dimitri Deliolanes, corrispondente di ERT dall’Italia

– Vassilis Moulopoulos, deputato di Syriza, che ha presentato questo pomeriggio una mozione di sfiducia nei confronti dell’esecutivo.

 

Di seguito, una raccolta di articoli sull’occupazione e l’autogestione della tv ERT, tradotti da Atene Calling.org:

Chiudere ERT per una Grecia più stupida e obbediente

ERT farà cadere il governo?

Scenari politici inediti dopo il caso ERT

Gli schiavi del destino

 

Le foto di Vasilis Mathioudakis

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


tre + = 8