Kostas Sakkàs aveva “dimenticato” le impronte…

unnamed

« Non puoi farne un’altra per Sipsas (accusato nel caso dell’incendio della Marfin Bank, n.d.t.), casomai ci servisse in futuro? »

La tortura di Kostas Sakkas sembra senza fine. Giovedì è stato arrestato di nuovo, la polizia sostiene di aver trovato le sue impronte in un appartamento a Chalandri (quartiere nord di atene, n.d.t.) usato come covo dalla Cospirazione delle Cellule di Fuoco. Molti dubbi sorgono sull’accuratezza delle indagini della polizia

Kostas Sakkàs era detenuto in carcere senza processo e venne scarcerato solamente dopo un tremendo sciopero della fame. Il giorno successivo all’evasione di Xiròs è stato arrestato di nuovo, per aver violato i termini della sua scarcerazione. Portato di fronte al tribunale collegiale di Atene è stato assolto da quest’ultima accusa, in quanto aveva solo passato la notte a casa di una sua amica, com’è stato verificato dai magistrati. Il Procuratore, essendo un tipo assai creativo, ha fatto appello.

Adesso Sakkàs viene arrestato di nuovo, questa volta  con l’accusa di aver lasciato le sue impronte nel covo delle Cellule di Fuoco a Chalandri. Ricordiamo che l’unità antiterrorismo aveva passato al setaccio il sudetto appartamento (almeno, secondo quanto hanno dichiarato loro) nel febbraio 2013, mentre Sakkàs era già stato arrestato nel 2010. Indi peri cui, le sue impronte si sdarebbero dovute trovavano nell’archivio della polizia già da tre anni.

Siamo costretti dunque a chiederci come sia possibile che nel corso dell’indagine, cosi metodica e approfondita (stando sempre alle dichiarazioni della polizia), fossero sfuggite agli inquirenti, per piu di 11 mesi, proprio le impronte di Kostas Sakkàs. Abbiamo sentito parlare tanto della lentezza e inefficenza della burocrazia greca, ma in questo caso la polizia ha battuto ogni record, scoprendo nuovi elementi d’indagine da due casi considerati archiviati e già riferiti alla giustizia.

Apparentemente, Kostas Sakkàs ha delle impronte difficili da leggere…

fonte: The Press Project

traduzione di AteneCalling.org

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


5 + = nove