La proposta del PM Doghiakos sul processo contro Alba Dorata

29_6_are_f1_119_a_resize_526_394

La proposta del PM Doghiakos (PDF)

Alcuni primi elementi:

a) L’intero gruppo parlamentare di Alba Dorata (presente e passato) verrà processato con l’accusa di essere al comando di un’organizzazione criminale. Viene così accolta l’ipotesi espressa molte volte dai GIP secondo cui Alba Dorata è un’organizzazione criminale travestita da partito politico, visto che i quadri dirigenti dell’organizzazione e del “partito” coincidono.

b) A parte i 18 deputati (sempre in base alla proposta del PM) imputati per aver aderito a un’organizzazione criminale sono accusate altre 49 persone. Il numero totale degli imputati accusati di essere membri di un’organizzazione criminale è 67: 66 saranno processati dal Tribunale di Appello a composizione collegiale e una parlamentare, Nikitopoulou, dal Tribunale per i Minori.

c) Per 14 persone (per 12 di loro erano già state attribuite altre accuse dai GIP) si ritiene che non sussistano prove sufficienti per dimostrare la loro appartenenza all’organizzazione criminale. Si tratta di: Chatzipavlìdis (imputato insieme ad Apostolòpoulos per aver accoltellato uno studente a Paleo Faliro), Karatzàs (agente della polizia, unità DIAS), Kyritsòpoulos (responsabile del comitato di Alba Dorata a Perama), Mikelatou Anthì (suocera di Roupakiàs), Baxevanàki (moglie di Aggos), Binos (poliziotto), Spyridis Savvas (poliziotto-addestratore a Rodi), Stefa, Fragkàki, Fragkouli, Chilio (più Chrisafìtis Dimitris e Bolani). Tre di loro, Chilios, Stefas e Mikelatou saranno processati dai tribunali competenti per reati minori) [UPDATE:In questo modo il numero sale a 70 accusati: 67 per la loro appartenenza a un’organizzazione criminale e per altri reati e tre per atti di minor gravità].

d) Le decisioni più incerte riguardano Kyritsòpoulos e Spyridis. Kyritsopoulos svolgeva un ruolo da protagonista nella creazione del comitato dei datori di lavoro di Alba Dorata a Perama. Spyridis era un poliziotto e oggi è consigliere regionale di Alba Dorata. Eppure si ritiene che nessuno dei due facesse parte dell’organizzazione criminale.

e) Lagòs [deputato, n.d.t] non è accusato di essere il mandante morale dell’omicidio di Fyssas, dei tentati omicidi dei sindacalisti di PAME e dei pescatori egiziani, anche se alcuni indizi avrebbero potuto portare a una tale accusa. In ogni caso, la responsabilità morale della leadership sul compimento degli atti criminali viene attribuita mediante l’accusa di aver diretto l’organizzazione criminale.

f) Per l’omicidio di Pavlos Fyssas sono accusati: Roupakiàs dell’omicidio, Kazantòglou per complicità diretta e 16 persone per complicità (Aggos, Anadiòtis, Dimou, Kalarìtis, Komianòs, Korkovìlis, Michàlaros, Patèlis, Santorinaios, Skàlkos, Stampèlos, Tsakanìkas, Tsalìkis, Tsòrvas N, Tsòrvas Ath, Chrysafìtis Ar.) In sostanza si tratta del nucleo di sicurezza (“battaglioni d’assalto”) di  Alba Dorata a Nikea.

Fonte: jailgoldendawn.com

Traduzione di AteneCalling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ sette = 10