Panoussis e la “questione Exarchia”

7AA94C2C465F90F26F6B0302EB74E5F9

Nei prossimi giorni, probabilmente durante la discussione in Parlamento delle relazioni programmatiche, il nuovo ministro per l’Ordine Pubblico Giannis Panoussis sottoporrà il tema della <<questione Exarchia>> e della reazione politica nei confronti delle <<azioni degli antiautoritari>>.

Secondo il ministro, <<si deve trovare una soluzione politica alla questione della presenza ormai quasi quarantennale dei numerosi gruppi anarchici e dei sostenitori della lotta armata rivoluzionaria che spesso provocano episodi o sostentano i gruppi armati>>.

È probabile che Panoussis chiederà la collaborazione di tutti i partiti per una soluzione multilaterale della <<questione Exarchia>>.

Ciononostante resta sconosciuta la posizione di SYRIZA sulla questione.

Allo stesso tempo, il ministro sta dando particolare attenzione alla questione dei jihadisti e, proprio in quest’ottica, il nuovo capo dei servizi segreti Ghiannis Roubatis ha già iniziato una serie di incontri negli altri paesi europei.

Inoltre, Panoussis ha inviato il Segretario Generale della Protezione Civile Serafìm Tsokas a un recente convegno dei ministri a Riga, in Lettonia (alla Presidenza dell’UE).

La rappresentanza greca ha posto l’attenzione sulla questione dei finanziamenti di 50 milioni di euro per il rafforzamento dei confini della Grecia e ha discusso la questione delle intersezioni del traffico aereo, con stazioni intermedie in paesi del Medio Oriente.

Inoltre i partecipanti hanno concentrato la loro attenzione anche sul transito dei jihadisti in Bulgaria, e sul monitoraggio attraverso internet.

Infine, il neoministro dell’Ordine Pubblico progetta la creazione di in un unico corpo di polizia che riunisca i vari raggruppamenti in moto della polizia, cioè le squadre DIAS, DELTA e ZITA.

Inoltre, Panoussis intende rimettere in funzione la figura del poliziotto di quartiere e della polizia a piedi.

Tra i suoi propositi c’è inoltre il riesame del procedimento con cui vengono sottoposti a giudizio gli agenti della polizia greca, con la definizione di nuovi criteri, e alcune modifiche all’addestramento dei poliziotti.

Panoussis ha sottolineato che non assumerà nessun consulente e che verrà aggiornato solo dagli alti ufficiali della polizia e dei servizi segreti.

Fonte: tovima.gr

Traduzione di AteneCalling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− tre = 5