Tutt* al corteo Antifascista – Anticapitalista / 24 Novembre 2012


L’ascesa elettorale di Alba Dorata e l’acuirsi del terrorismo nazista dimostrano quello che assicuravamo da anni. Contro tutti coloro che sostenevano che la società greca fosse provvista di una misteriosa forma di immunità al fascismo, noi insistevamo ad affermare che Alba Dorata costituiva un pericolo reale e che se la si lasciava indisturbata avrebbe potuto, in determinate condizioni, svilupparsi. Alla fine la crisi del capitalismo, il saccheggio del memorandum e il sostenimento stabile del meccanismo statale hanno creato le condizioni ideali per riportare in vita il fascismo nella Grecia del 2012.
Non c’è bisogno di essere sapienti e soprattutto non c’è bisogno di altri dibattiti per affrontare Alba Dorata – ce ne sono già stati molti. Le cose che devono succedere sono semplici, e più o meno tutti e tutte le percepiamo:
Primo, non dobbiamo lasciare nemmeno un palmo di strada libera ai nazisti. Utilizzando tutti i mezzi necessari (mobilitazioni di massa, interventi istituzionali, talvolta qualche scappellotto) dobbiamo bloccare le azioni terroristiche dei nazisti. Ogni attacco razzista deve essere ritenuto un atto di guerra contro tutto il Movimento.
Secondo, dobbiamo svelare il volto ripugnante di Alba Dorata. I nazisti non solo non sono una forza “antisistema” come vogliono apparire, ma costituiscono un sostegno prezioso del sistema, un reparto strumentale alla repressione statale. Per questo hanno il pieno sostegno della polizia, per questo è avvenuto l’attacco della polizia al corteo antifascista in moto e le torture che ne sono seguite. Per questo dobbiamo smantellare la menzogna propagandistica sulla quale Alba Dorata prova a costruire la sua figura.
Terzo, dobbiamo dissentire tenacemente dagli ideologismi statali che covano l’uovo del serpente. Se non fermiamo la trasformazione dei migranti in capri espiatori, se non ridurremo in frantumi gli odi nazionalistici, se non forgeremo l’unità e la solidarietà dei lavoratori indipendentemente dalle loro origini, allora non potremo fermare Alba Dorata. Le cose che dicono i nazisti non sono che la versione estrema dell’ideologia del regime. Successivamente, il dissenso nei confronti di questi ideologismi statali è parte della lotta antifascista.
Sabato 24 Novembre alle 12.00 a Propilea ci sarà un’importante manifestazione unitaria contro il fascismo e la repressione. La Rete per i Diritti Sociali e Civili invita a una partecipazione di massa a questa iniziativa. Dobbiamo essere tanti e tante in strada perché arrivi chiaramente il messaggio che il fascismo non passerà!
Rete per i Diritti Sociali e Politici
Atene

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× 7 = trenta cinque