Alba Dorata, la “quinta colonna” è nella polizia greca

newego_LARGE_t_1101_54351103_type12713

Le alte percentuali ottenute da Alba Dorata alle elezioni suscitano sconforto e perplessità, mentre il successo elettorale dell’organizzazione criminale nella polizia greca provoca grande sdegno.

Un elettore su dieci ha votato il partito neonazista che diventa così la terza forza politica (con il 9,4%) in 28 circoscrizioni elettorali su 56. Analizzando i dati del ministero degli interni e della Singular Logic sconcertano le percentuali ottenute in alcune circoscrizioni, che raggiungono il 46% dei voti. Alba Dorata ha inoltre raddoppiato le percentuali in zone del paese colpite dalla ferocia nazista come Chortiatis (Salonicco).

Neanche le rivelazioni sulle attività di Alba Dorata, che hanno sconvolto e risvegliato il mondo democratico, nemmeno le condanne penali a carico dei leader dell’organizzazione e l’omicidio dell’antifascista Pavlos Fyssas hanno impedito a una grossa parte del corpo elettorale di infilare una scheda nera nell’urna elettorale delle elezioni europee.

Per la terza volta consecutiva Alba Dorata ottiene un incremento delle percentuali e per la prima volta supera di 36.000 voti la soglia delle 500.000 preferenze.

«5η φάλαγγα» στις τάξεις της ΕΛ.ΑΣ

Aumentano i voti rispetto al 2012

Alle elezioni del giugno 2012 aveva ottenuto il 6,92% e 426.025 voti; si è dunque verificato un ampliamento del bacino elettorale di AD.

La “radiografia” delle percentuali di AD per circoscrizione elettorale mostra che il partito è molto forte nella Macedonia centrale e occidentale ma anche in Attica, dove Alba Dorata ottiene alte percentuali nelle aree a più alta disoccupazione e in cui vivono e lavorano migranti, oltreché nei piccoli centri.

La più alta percentuale di AD si registra nella circoscrizione elettorale della Laconia (15,48%).

Rispetto al 2012 si registra un incremento del 4,61% delle percentuali di AD nella zona di origine di Michaloliakos, ora in carcere, e di Ilias Kassidiaris.

A Salonicco, che ha pagato il suo tributo all’Olocausto con il sangue di 50.000 ebrei greci e che è stata proclamata Città Martire, Alba Dorata ha ottenuto nella I Circoscrizione 31.475 voti (10,21%), contro i 23.038 voti (6,78%) delle elezioni del giugno 2012. Per quanto riguarda le elezioni comunali, la percentuale di voti ottenuti è l’8,99%.

A Chortiatis (Salonicco) dove il 2 settembre 1944 i nazisti hanno ucciso 149 persone – la maggior parte donne e bambini – e hanno bruciato centinaia di case, AD ha raddoppiato la sua percentuale e ha raggiunto il 10,23%, contro il 5,27% del giugno 2012.

A Ghiannitsà (Pella) dove il 14 settembre 1944 furono torturate e uccise 112 persone, AD ha ottenuto l’11,16% dei voti (6,90% nel 2012).

Anche a Linghiades (Ioannina) dove lo scorso marzo si era recato il presidente tedesco Joachim Gauch per scusarsi per le 81 vittime dell’ottobre 1943, AD ha ottenuto un’alta percentuale (7,22%)

A Kalavryta, dove un abitante su due ha votato l’organizzazione filonazista, si registra la sconvolgente percentuale del 46,34%.

Al contrario a Kleisoura (Kastorià) dove 270 persone tra vecchi, donne e bambini furono uccisi da tedeschi e bulgari, la percentuale si è ridotta allo 0,27% e a Distomo ha raggiunto il 5,6%. Nelle circoscrizioni di Creta e in particolare di Lasithi (3,6%) si registrano le percentuali più basse di Alba Dorata. Il risultato peggiore si registra ad Anoghia (0,02%).

Secondo partito tra i poliziotti 

Ancora una volta Alba Dorata è il secondo partito tra i poliziotti. Sembra che la “purga” all’interno della polizia iniziata dopo l’omicidio di Pavlos Fyssas non sia ancora stata completata, visto che nei seggi elettorali dove hanno votato i poliziotti “fuori sede” in servizio a GADA la formazione fascista ha ottenuto altissime percentuali.

Anche nei seggi dove hanno votato i poliziotti che prestano servizio al Comando Centrale le percentuali ottenute da AD sono a due cifre. Sono i risultati degli elenchi elettorali speciali a cui sono iscritti 2.738 poliziotti che prestano servizio nell’Attica ma che dovrebbero esercitare il loro diritto di voto in altre regioni della Grecia (ad esempio nel loro luogo d’origine). L’affluenza maggiore si è registrata nelle sezioni dalla n.1.013 alla n. 1.023 del 111mo Dimotikò (via Kedrinoù e Tseliou) e al 17mo Dimotikò (Abelakìon 24, proprio accanto all’edificio della GADA).

I poliziotti del Comando Centrale hanno votato al 10mo Dimotikò in via Zagoràs. In via Abelakìon le percentuali di AD oscillano tra il 16,54% e il 23,77%. In via Kerdinoù, la percentuale più bassa è il 16,23% e la più alta il 22,73%. Il partito di estrema destra è la seconda forza in quattro delle dieci sezioni di via Achaias, a parte l’11,23% della sezione n. 1048. Per quanto riguarda gli elettori del Comando Centrale le percentuali vanno dal 10,30 al 15,10%.

A. Bidelas, M.Psarà

Fonte: ethnos.gr

Traduzione di AteneCalling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove + = 12