Vuole vendere il rene per poter crescere i figli

ImageProxy (5)

“Non vendo solo il mio rene, potrei vendere anche la mia testa se la volessero, basta che i miei figli possano vivere”. Un dramma umano ai temppi della crisi finanziaria, il cui sfortunato protagonista è un uomo di Iraklio (Creta, n.d.t.),autore di una nota manoscritta apparsa in questi ultimi giorni nella bacheca degli annunci dell’ospedale Venizeleio di Iralkio, resa pubblica oggi 21 novembre da irakliolive.gr.

Irakliolive.gr ha contattato la persona che intende svendere il rene per poter crescere i propri figli. Una comunicazione tesa e difficile, posto che lui stesso, sin dall’inizio, aveva dichiarato l’intenzione di non rendere pubblico il suo dramma.

Senza rilevare dati che potrebbero scoprire la sua identità, ha detto che la sua vita è andata in pezzi  circa due anni e mezzo fa, quando è rimasto disoccupato. Fino ad allora viveva una vita prosperosa dal punto di vista economico.

Ha passato questi due anni e poco piu a cercare disperatamente un lavoro, invano. Oggi è disoccupato e come asserisce egli stesso, “abbiamo venduto tutto, mobili, elettrodomestici, qualsiasi altra cosa che c’era in casa. Non è rimasto nulla. Non possiamo vivere. Ed è per questo che vendo il mio rene. Per me questo non è niente. Posso vivere anche con un rene solo. Avrei potuto vendere anche la mia testa, se ci fosse qualcuno che la comprasse. Vivo per i miei figli ma non posso offrirgli neanche il minimo. Potrei morire per loro. Uno dei miei figli dovrà fare gli esami nazionali di ammissione all’università, e deve frequentare dei corsi privati; l’altro sta alla scuola elementare. Ma io non posso più offrirgli il minimo per vivere”.

Il cittadino, che si è rifiutato di fornire qualsiasi altro dato relativo alla sua identità, ha insistito per un pò, prima di riattaccare il telefono. “Non voglio pubblicità, voglio qualcuno che compri il mio rene”.

Irakliolive.gr ha pubblicato questa storia scioccante lanciando un appello per aiutarlo. La notizia è stata trasmessa in rete e la risposta dei cretesi è stata altrettanto stupefacente. In breve tempo sono già apparse offerte di lavoro per il padre disoccupato, società che desiderano prendersi cura dell’alimentazione della famiglia, mentre si cerca già una soluzione per il figlio che deve preparare per gli esami per l’università, affinchè possa seguire i corsi di preparazione gratuitamente.

Fonte: ertopen

Originariamente pubblicato su: irakliolive

Traduzione di AteneCalling.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 9 = diciotto